Organigramma | URP | Glossario | Guida al sito | Accessibilità

 

 

 

 

Le attività di recupero mirano a fornire agli allievi  gli strumenti che consentano l’autonomia operativa e l’autoconsapevolezza metacognitiva (la riflessione su come si apprende, si conosce, s'impara). In genere, attraverso degli input, esercizi, analisi dei casi, situazioni problematiche, i docenti mettono lo studente, da solo o in gruppo,  in situazioni di ricerca delle possibili soluzioni, sollecitando la manifestazione e il trasferimento delle conoscenze, la generalizzazione dell’apprendimento.

  • Recupero durante l'anno scolastico e prima dello scrutinio finale.

In sintesi si elencano le varie modalità previste.

A. Recupero in itinere. E' l'attività di recupero svolta durante le ore di lezione. Tale attività, oltre a prevenire l’insuccesso scolastico,  fa fronte anche ai bisogni formativi degli studenti che non hanno necessità di recupero e per i quali i Consigli di Classe devono programmare specifici percorsi di approfondimento. In particolare per ogni disciplina, dopo gli scrutini intermedi, è prevista una settimana  di sospensione della programmazione didattica per consentire lo svolgimento di attività di recupero in itinere e/o approfondimento.

B. Attività di recupero in orario pomeridiano deliberate dal Collegio Docenti del 16/11/2010 nel progetto: "successo formativo: non solo corsi di recupero" e così classificate:

  1. Help

  2. Sportello

  3. Studio Assistito

  4. Studio cooperativo

 Il progetto permette di realizzare, nel corso dell’anno, diverse occasioni e possibilità  di recupero disciplinare e metodologico; inoltre permette ai Consigli di Classe o agli studenti di scegliere tra diverse proposte e al Collegio Docenti di valutare l’efficacia di interventi paralleli/sostitutivi dei corsi di recupero. In particolare:

 1. L' Help è rivolto a  tutte le classi e coinvolge le seguenti discipline: Italiano, Lingua straniera, Matematica e Materie di indirizzo. Viene deliberato dal Consiglio di Classe,  per complessive 15 ore  per classe, e tenuto dal docente della classe della disciplina interessata.

2. Lo Sportelloè rivolto alle classi I, II, III e coinvolge le seguenti discipline: Italiano, Lingua straniera, Matematica e Materie di indirizzo. Viene svolto su richiesta degli studenti -  1 ora settimanale per disciplina - e con i docenti disponibili.

3. Lo Studio assistitoèper tutte le classi e coinvolge quelle discipline per le quali i docenti si sono resi disponibili. Sono previste 2 ore settimanali  per disciplina e si svolge su richiesta degli studenti.

4. Lo Studio cooperativo è un attività di studio libero tra studenti che può essere richiesta  dagli studenti stessi al Dirigente Scolastico. Nel caso di studenti minorenni tale attività potrà essere attivata solo in presenza di docenti disponibili alla vigilanza.

C. Corsi di recupero pomeridiani. In sede di scrutinio intermedio o dopo le valutazioni interquadrimestrali per gli studenti con un o più materie insufficienti, il consiglio di classe,  su indicazione dei singoli insegnanti delle discipline oggetto di recupero e in alternativa o in aggiunta alle attività previste nei precedenti punti A e B, predispone corsi di recupero pomeridiani disciplinari sulle carenze rilevate.

  • Recupero dopo lo scrutinio finale

In sede di scrutinio finale per gli studenti per i quali la formulazione del giudizio finale è rinviata(“sospensione del giudizio”), il consiglio di classe predispone corsi disciplinari finalizzati al recupero delle carenze rilevate da attuarsi tra la fine di giugno (subito dopo la terza prova dell’esame di Stato) e metà luglio  o nell’ultima settimana di agosto e stabilisce le modalità di realizzazione delle verifiche (scritte, orali, pratiche, grafiche).

Nel caso in cui i genitori (o a chi ne esercita la relativa potestà) non intendano avvalersi delle iniziative di recupero programmate dalla scuola  devono darne comunicazione tramite apposita lettera indirizzata al Dirigente Scolastico, fermo restando l’obbligo dello studente di sottoporsi alle verifiche previste dal consiglio di classe per accertare l’avvenuto superamento del debito formativo.

Al termine delle attività di recupero, secondo il calendario fissato preventivamente dal Collegio dei Docenti - in genere nei primi giorni di settembre - il consiglio di classe che ha proceduto alla valutazione nello scrutinio finale, organizza e attua le operazioni di verifica per accertare l’avvenuto superamento dei debiti formativi; le operazioni di verifica saranno condotte da  docenti delle discipline interessate con l’assistenza di altri docenti del medesimo consiglio.

I corsi di recupero potranno essere organizzati anche per classi parallele  possibilmente dello stesso indirizzo; in tal caso l’insegnante che verrà incaricato a svolgere il corso verrà individuato tra i docenti della disciplina delle classi interessate; egli si raccorda con i docenti del gruppo affidatogli al fine di orientare contenuti e metodi dell’attività agli specifici bisogni formativi di ciascun alunno. Qualora non fosse possibile affidare il corso al docente di una delle classi interessate, il Dirigente Scolastico assegnerà gli studenti destinatari del corso ad un docente della disciplina che insegna nello stesso indirizzo frequentato dagli studenti o, in subordine, ad un docente in servizio nella scuola. Nel caso che nessun docente interno risulti disponibile, l’attività di recupero verrà affidata ad un docente esterno sulla base di criteri stabiliti dalla normativa vigente.

In questo sito usiamo dei cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Non usiamo cookies di profilazione per l'invio di messaggi pubblicitari. Usiamo cookie tecnici, ma anche cookies di terzi. Privacy Policy.

Continuando la navigazione ci stai dando il consenso ad utilizzare i cookies. Leggi la nostra informativa estesa per saperne di più.